Valute

Con valuta si intende l'unità di scambio di un paese, che funge da base sia per i rapporti economici che per quelli legati a servizi e beni immateriali di una nazione.
La valute sono solitamente rappresentate da un sistema di monete e banconote prodotte da una banca autorizzata che ne detiene il monopolio (solitamente la banca centrale di uno Stato).
Una valuta in genere viene fatta corrispondere ad una sola nazione, o talvolta ad un insieme di nazioni o stati membri della stessa comunità economica (ad esempio la Comunità europea, che ha adottato l'euro).
Talvolta, a causa dell'instabilità dell'economia, alcune nazioni hanno concordato di adottare la valuta di qualche altro Stato.
Questo processo viene denominato dollarizzazione, dal momento che molto spesso questa soluzione è stata attuata nei confronti del dollaro nordamericano.
In passato molte valute inoltre erano legate ad un quantitativo di materiale prezioso contenuto nelle casse dello Stato, che poteva essere sia oro che argento.
Questo meccanismo era adottato con il fine di impedire una circolazione infinita di monete sul territorio.
In tempi recenti invece il metodo adottato era quello di legare l'andamento ed il costo della propria valuta a quello di una valuta più forte e stabile, in modo da evitare particolari oscillazioni.
Negli ultimi anni però quasi tutte le valute occidentali hanno accettato di slegarsi e di accettare la quotazione borsistica.
Questo significa che ognuna di esse può oscillare pressoché liberamente nell'arco di tempo dell'apertura delle piazze finanziarie di tutto il mondo.
Le valute moderne sono identificate da tre lettere che formano un vero e proprio codice deciso dall'ISO, l'Organizzazione Internazionale per gli Standard: queste abbreviazioni sono presenti anche
fra i titoli di borsa.