Carte di pagamento

Le carte di pagamento nascono circa sessant'anni fa, e appaiono fin da subito composte da rettangoli
plastificati con una banda magnetica lungo il margine laterale più esteso.
La forma che hanno assunto oggi questa tipologia di carte è molto simile a quella originale, eccezion fatta per un microchip inserito all'interno della carta all'inizio degli anni novanta, per preservare la sicurezza del proprietario.
Con le semplici bande magnetica infatti truffe ai danni dei possessori risultavano molto più semplici.
Il microchip aggiunto rende la qualità elettronica della scheda più avanzata, tale da renderla una vera e propria smart cart (carta intelligente).
Le smart card hanno una capacità di memoria maggiore e possono contenere in maniera permanente i dati sull'utente possessore della scheda, e dare il via a transazioni precise.
Inoltre la smart card può fornire servizi differenti da quelli di una semplice carta a banda magnetica, come punti e monete elettroniche per alcune attività commerciali, dati di accesso per particolari procedure o quanto di più avanzato può essere richiesto a una scheda.
Queste sue rinnovate potenzialità vengono solitamente identificate come multi-applicazione.
Le carte di pagamento vengono in genere rilasciate da banche o istituti finanziari che contengono il nostro conto.
Esse possono variare in quanto a capienza e potenzialità (oltreché esteticamente) a seconda del proprietario delle stesse.